Berlino Opernplatz, 10 maggio 1933

il
Si percepiva un’ atmosfera diversa la sera del 10 maggio nella sala Sibilla Aleramo delle Oblate. Il pubblico numeroso voleva ascoltare, c ‘era un’ aria di attesa percepita come un bisogno, un’esigenza di sentire testimonianze, una voglia di di sperare e respirare voci diverse di quelle, purtroppo consuete in questi tempi.
L’ emozione era forte, anche tra noi, per l ‘intervento della nuova cellula di Quinto Alto Sesto Fiorentino che per la prima volta era nel cerchio del dire. Appena l ‘immagine del rogo di  Opernplatz è apparsa sullo schermo si è dato respiro alle parole dette che venivano fuori, in tutta la loro risonanza, alternata a musica e arte proibita dal regime nazista.
A conclusione l’intervento  video dello scrittore Paolo Di Paolo: “Contagiamo la nostra memoria di lettori e accendiamo la luce delle parole. Le parole vanno usate e ben articolate, sono la cassetta degli attrezzi che ci permette di non essere subalterni, ma indipendenti e liberi. I libri sono gli anticorpi essenziali per non farci ingannare, dalle apparenze”.

Infine la musica e il canto  popolare ebraico The Freilach of the Klezmer  ha trascinato tutti i presenti in un applauso ritmato accompagnato dal canto.

Un evento che facciamo ogni anno ma in questo momento così pesante e difficile, direi necessario.

Rosa Spera

Annunci

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...