Appuntamento con il mondo

21 settembre 2013- Primo raduno nazionale delle responsabili delle cellule

Il centro di Firenze è più pedonale che mai preso in ostaggio dal circuito ciclistico: transenne per passaggi obbligati e gente di tutte le lingue che trattiene negli abiti e nelle voci una folata d’estate.

L’Estate, quella, che mai finisce.

E’ estate il brusio che ci accoglie nel bar accanto alla libreria Salvemini: gli abbracci, i baci, gli occhi che si accendono perché sorpresi. Sorpresi di essere qui.

Se mai passaste per Firenze venite alla libreria in Piazza Salvemini: qui hanno casa i libri che non vogliono morire, hanno il sapore del cielo riflesso sulle bancarelle di quartiere; l’odore scuro, che non va mai via, dei magazzini; i loghi stinti di case editrici estinte. L’isola di Avalon galleggia su un mare di pagine, e non c’è nebbia a proteggerla perché chi entra qui non ha paura dei libri.

Sembriamo un raduno di alcolisti anonimi: da quale città vieni? quale cellula sei? come ti chiami? Anna, Marilena, Lidia, Felicetta, Teresa, Claudia, Luciana, Olga, Daniela, Stefania, Antonio, Alfredo… E gli altri applaudono.

chiari-riunione

Foto di Deborah Pirrera

Un ferro di cavallo sghembo per riuscire a guardarci negli occhi. Dietro le spalle e ovunque librerie a parete, tavoli con pile di libri in italiano in inglese in francese, in tedesco… con la coda dell’occhio riconosco copertine che credevo essere un sogno.

Alessandra, la libraia, è come i fiori che ci ha fatto trovare nel vaso sul tavolino: un regalo. Di accoglienza, di intimità.

Ci siamo davvero tutte; tutte le città delle persone libro, finalmente anche Cagliari. Unica assente: Bastia Umbra, perché le persone libro sono suore di clausura.

Finalmente anche Valdarno che insisterò a chiamare Valdagno per tutto il tempo. (Non ci crede mai nessuno quando confesso che ho lesioni nelle fascette nervose che governano i Nomi). Pazienza. Tutte le città chiedono: e Marsala? Elisa di Milano e Anna di Firenze sorridono: tempo al tempo, non lo dicono ma è la verità. Elisa in disparte mi sussurra all’orecchio: stanno per rivedersi per la prima volta dopo l’estate.

Siamo arrivate in treno, in aereo, a piedi. Persone e città. Territori. Dinamiche di gruppo (il potere è un fantasma interiore), crisi e resurrezioni (i cicli eterni dei gruppi), l’impatto con la gente, la partecipazione o meno dei giovani, soluzioni e difficoltà.

Una geografia di desideri e di bisogni che riflette la diversità sostanziale della cultura in Italia: metropoli e provincia. Risposte corali e solitudini radicate. Ma anche analogie sorprendenti: i ragazzi di Bari e i ragazzi di Siena che rispondono alla chiamata con lo stesso entusiasmo. E specificità incomparabili: la militanza di strada di Cagliari; il gemellaggio bibliotecario del Veneto (Cinto Caomaggiore) e di Valdarno (Terranuova- Bracciolini) o quello librario (Feltrinelli Point) di Arezzo, di Bari (libreria Svoltastorie), di Milano (libreria Popolare); il vagabondaggio di Roma (Drugstore Gallery, biblioteca di Corviale e TrulloBiblioTeca), l’associazionismo (Centro Mara Meoni) di Siena…

E gli uomini, gli uomini sparsi, gli uomini persone libro e “donne di carta”, anche loro un segno discontinuo e imprevedibile: presenti a L’Aquila e assenti a Roma, attivi a Bari e fantasmi a Milano…

Raccontarsi. Per dire: ci sono (appartenenza). Raccontarsi per dire: potresti fare così (solidarietà). E poi progetti: come portiamo la Carta dei Diritti della Lettura al Consiglio d’Europa? E cosa facciamo per la Giornata dedicata allo Sciopero delle donne? Le voci si sovrappongono – ma è un attimo: l’abitudine alle “coperte” emerge, e ciascuna/o aspetta il proprio turno, lascia spazio al dire, ascolta. (Anna, la nostra segretaria nazionale, prende appunti).

Sul treno di ritorno sussurro a Stefania: abbiamo inventato una cosa stupenda.

“Libermente”, la libreria delle origini non c’è più. “Il caso e il vento”, la casa editrice delle origini non c’è più.

Al loro posto, il mondo.

libreria_chiari_firenze

Libreria Salvemini. Libri rari, esauriti e d’occasione. http://www.libreriachiari.it/catalogo.htm
P.zza Salvemini 18 – Firenze

Annunci

One thought on “Appuntamento con il mondo

  1. Lorenza Cungi ha detto:

    Coinvolgente, appassionato e visionario

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...