Le Persone Libro del Veneto Orientale salutano (a modo loro) la Società Italiana delle Letterate.

 LE PERSONE LIBRO DEL VENETO ORIENTALE A DUINO (TS),  22 E 23 GIUGNO 2013 

E’ sufficiente aver voglia di volere. E allora andiamo a vedere, andiamo a sentire. Anche il potere evocativo dei nomi fa la sua parte: la Società Italiana delle Letterate, l’incontro che è presso il prato del Collegio del Mondo Unito, vicino alla passeggiata intitolata  a R.M. Rilke,  sulla falesia (la scogliera a picco, insomma)  di Duino (Ts), a pochi metri dal  castello  absburgico (come direbbe Claudio Magris)  dei principi  Thurn und Taxis, con vista sul golfo di Trieste, che a noi piace tantissimo.

La famiglia libro e Loretta vanno. Con un po’ di fatica si trova il posto, sul programma non c’è l’indirizzo, né il telefono, il collegio del mondo unito ha due sedi, e andiamo prima in quella sbagliata.  Bisogna essere motivati per arrivare dalle letterate. Infatti scrivono sul programma che non desiderano la luce dei riflettori.

Arriviamo al convegno, e di non socie della S.I.L. siamo solo noi, mi sembra. Non si può nemmeno definirlo un convegno, non c’è formalità,  che è anche meglio. Nel senso che ci troviamo in mezzo a una conversazione amichevole tra scrittrici, traduttrici, l’editrice, che hanno l’aria di essere appena scese dalla camera dopo il riposino pomeridiano, e ti raccontano quello che hanno scritto, tradotto,  edito. Una specie di coperta. Stiamo seduti sotto il porticato ben ventilato , a pochi metri dal giardino alberato. Qualcosa andrebbe curato meglio, le cigolanti panche da sagra, per esempio non vanno bene, fanno mal di schiena a tutte, ci son poche sedie.

E il caffè messo in programma ?  Accidenti, sabato niente caffè. Io non ho letto Ospiti estranei di Verena Stefan , e nemmeno di Virginia Woolf  ho letto niente, ma posso dire che è bello sentir discorrere  chi ha edito (Luciana Tufani) la prima con Gabriella Musetti (la curatrice del’incontro), e soprattutto chi ha tradotto (Bianca Tarozzi) della seconda, i cinque diari. Che quantità di notizie ha assunto la  traduttrice, e che poi ci ha girato. Come si divideva le giornate allo scrittoio, i rapporti con la servitù, il cambio di grafia nel corso degli anni, e altro. Abbiamo saltato la parte delle letture poetiche alla  Casa Carsica, per andare a fare merenda in osmizza, che è una specie di osteria tradizionale del carso : pane formaggio salumi sottaceti  e vino, seduti sotto un tiglio, in queste case di contadini autorizzati  a vendere prodotti  di produzione propria.

Sto pensando a questo aspetto del carso, così diverso da Trieste città.  Come  la città vive di banche e assicurazioni e servizi, è di lingua italiana, politicamente di destra, gastronomicamente di pesce, al contrario, nell’entroterra, nel Carso, è l’agricoltura l’attività tradizionale, lo sloveno è la lingua madre, si mangia carne di maiale, si vota a sinistra. E ci sono locali che si chiamano Trattoria Sociale, e Casa Carsica, che richiama tanto ai beni comuni .  E dove siamo andati noi, una lapide ricordava che nel 1944 l’intero villaggio era stato incendiato dai nazisti.

E il giorno dopo, domenica, la PL ci ritornano,  a Duino. Stavolta con la famiglia viene un’altra persona libro, Orietta.  Il pomeriggio comincia con un fuori programma, che si rivela  il momento  più interessante del pomeriggio. Giulia Ciarpaglini,  ci parla della sua tesi intitolata “Il corpo impossibile di Maria”. In particolare di quel dogma della dottrina conciliare tridentina, che è la verginità della Madonna. Ci rimarrà impresso questo intervento, per la sua competenza e per il suo umorismo, tenendo una impostazione totalmente filologica, non solo un libello anti religioso, insomma. Le conversazioni letterarie continuano come da programma, stavolta il caffè arriva. Sono presenti diverse poete che hanno contribuito a “Cuore di preda”, e leggono le loro poesie. Gabriella Musetti ne dedica una ad un’ attivista civile,  assassinata, di Ciudad Juarez (Mex),  e la legge in modo toccante.

Adesso è prevista una pausa nei lavori, e per noi è ora di rientrare. Possiamo salutare ed andare.  Anche con  un saluto da persona libro.  Chiedo il permesso di dedicare a tutte le presenti, come ringraziamento e saluto, la pagina di Isabel Allende (da Afrodita), che in questo periodo mi sta accompagnando come PL.  E allora, molto emozionato, guardando negli occhi queste donne, queste scrittrici, ho detto loro Afrodita, ho dedicato loro Afrodita. Da parte delle Persone Libro del Veneto Orientale.

PL il gesto di Pier

******

PROGRAMMA

Residenze Estive 2013. Incontri  residenziali  di Poesia e Letteratura a Trieste e in Friuli Venezia Giulia
a cura dell’Associazione & Rivista  Almanacco del Ramo d’Oro in collaborazione con il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico
XIV Edizione: 20-24 giugno 2013

Tema di questa edizione: Colloquio tra voci e scritture: l’epica, la lirica, la biografia. La forza delle donne. Voci femminili e maschili della contemporaneità.

ore 15.30-18.00 Duino – Prato della Residenza del Collegio del Mondo Unito
Caffè e libri sul prato – conversazioni  letterarie – presentazioni e letture:  Parliamo di libri e di passioni…

– Verena Stefan, Ospiti estranei, (Tufani, Ferrara 2012)
presenta Gabriella Musetti

– V.Woolf, Diari di una scrittrice (1925-1930), traduzione e commento di Bianca Tarozzi, (RCS, Milano 2012)
presenta Bianca Tarozzi.

– I Quaderni SIL – FVG – Un gruppo di socie SIL della Regione FVG in colloquio su temi di confine.
N.1 – terzo spazio – a cura di Melita Richter
N. 2 – non importa se non capisci, segui il ritmo- a cura di Helen Brunner e Barbara Della Polla.
ne parlano le curatrici e le socie.

    ore 21 Casa Carsica – Kraska Hisa – Repen 31,  Repentabor – Monrupino
letture poetiche di: Bianca Tarozzi, Gabriella Musetti, Fabio Franzin, Roberto Dedenaro, Antonella Bukovaz.
presenta Giulia Ciarpaglini
in collaborazione con ZADRUGA NAŠ KRAS  COOPERATIVA CARSO NOSTRO
Repen 31,  Repentabor – Monrupino,  34151  TRST-TRIESTE

23 GIUGNO
ore 15.30-18.30 Duino – Prato della Residenza del Collegio del Mondo Unito
Caffè e libri sul prato – conversazioni  letterarie – presentazioni e letture: Parliamo di libri, di poesia e di asimmetrie creative…

– Anna Verna, Passioni. Virginia Woolf, Vita Sackville-West, Marguerite Yourcenar, (Tufani, Ferrara 2012).
presenta Paola Camesasca

– – Serenella Gatti Linares, Era ed è ancora, (Gazebo, Firenze 2012)
presenta l’autrice.

– Marina Giovannelli, Il libro della memoria e dell’oblio, (Samuele, Pordenone 2013)
ne parlano l’autrice e Gabriella Musetti.

– Cuore di preda. Antologia contro la violenza sulle donne, a cura di Loredana Magazzeni (CFR edizioni 2012)
ne parlano la curatrice e alcune poete presenti nell’antologia.

dalle ore 19.30   Duino – Prato della Residenza del Collegio del Mondo Unito
letture di: Marina Giovannelli, Alessandro Canzian, Maria Sànchez Puyade, Mary Barbara Tolusso, Michele Montorfano, Loredana Magazzeni, Anna Zoli, Melita Richter, Antonella Barina, Juan Octavio Prenz, Luca Visentini, Carla Saracino, Ana Cecilia Prenz, Laila Wadia, Enzo Santese, Luisa Gastaldo.
presenta Giulia Ciarpaglini

Annunci

One thought on “Le Persone Libro del Veneto Orientale salutano (a modo loro) la Società Italiana delle Letterate.

  1. Sandra Giuliani ha detto:

    scatenatissima cellula … grazie!..

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...