Qui comincia l’avventura…

Avviene talvolta che le Persone libro di Donne di Carta siano attese con grande intensità. E quando la percezione di questo sentimento si unisce al desiderio di andare, nasce un’energia potente che si impone.

Si sapeva che ci sarebbe stata un’ondata di freddo e che la neve si sarebbe estesa dalla Pianura Padana al centro, coinvolgendo l’Appennino e le Marche. L’appuntamento per la presentazione dell’Associazione e la formazione di una nuova cellula di Persone libro era previsto presso la Biblioteca Nazionale di Macerata il 19 gennaio. Il giorno precedente lo scambio di informazioni, mail e telefonate era stato frenetico, ma alla fine il desiderio aveva vinto sulle perplessità.

Il gruppo delle cinque avventurose pellegrine, infreddolite e imbacuccate, stipate nella sperimentata Ford di Silvia, e’ partito prima dell’alba in formazione da combattimento: Silvia (con berretto antineve a strisce e piccola nappa) alla guida; al suo fianco Amalia, navigatore ( molto poco “navigatore” e tanto “narratore”). Sul sedile posteriore: a sinistra Nicoletta, difensore di sfondamento ( momentaneamente in coma da sonno); al centro Anna, colei che porta i plichi ( raccolta firme, diritti della lettura…); a destra Olga, addetta alle comunicazioni ( in contatto telefonico costante con Anna Rita Cesaretti, il nostro prezioso punto di riferimento a Macerata, organizzatrice dell’incontro).

L’autostrada è fortunatamente pulita, l’alba sul paesaggio innevato è così suggestiva da indurci a tralasciare le chiacchiere almeno per qualche momento. I tempi per l’appuntamento sono perfetti, possiamo rilassarci. Si avvicina il momento per la prima sosta, il primo agognato caffè caldo con cornetto.

volantino

Nicoletta: Un ‘bastone’ tra le ruote

…“Sì , Anna Rita non c’è traffico, va tutto bene”
Allora comincerà Olga che racconta dell’associazione poi o Silvia o Anna per le persone libro, a me non fate dire niente che ancora dormo…
Che cos’è questo rumore? Mi ha svegliato…. La ruota a terra?????? Argh….
…”Anna Rita, sì, abbiamo bucato, tranquilla ora cambiamo e ripartiamo”
Allora crick, ruotino e bulloni…. no era bulloni, crick e ruotino… ok a posto (che meraviglia la neve però!)
Salve, abbiamo bucato, ha una ruota? no? usciamo all’Aquila e subito la troviamo? Ok grazie
…”Anna Rita sì, stiamo prendendo la ruota nuova e ripartiamo, siamo ancora nei tempi”
Salve, abbiamo bucato, ha una ruota? No? poco più avanti sulla statale? Ok grazie
…“Anna Rita tranquilla, ora la cambiamo, ma non saremo in ritardo se non di poco..”
Salve, abbiamo bucato, ha una ruota? Ah ce ne da’ due? Al prezzo di una? No???? Ok, se proprio dobbiamo…. grazie…
…”Si Anna Rita, tutto a posto, siamo appena ripartite, recupereremo…”

Ok parcheggiamo qui, scusa ancora, sì camminiamo veloci, sì va bene, bella Macerata…se si potesse vedè! Sì bellissimo palazzo storico, però quanta gente… scusate il ritardo… posso fare pipì? no? dopo? ok iniziamo….

Abbiamo quasi un’ora e mezzo di ritardo, ma ci hanno aspettate.
Olga è riuscita a sintetizzare in non troppe parole quello che è l’associazione con i suoi progetti tra cui la Carta dei diritti, mentre Silvia a ruota è riuscita a mantenere il tono colloquiale spiegando cosa sono le Persone libro. Io crollo dal sonno e non so neanche se mi ricorderò i pezzi, ma osservo quei volti attenti trascinati dall’entusiasmo di una sola persona che è riuscita a coinvolgere  attivamente le altre persone, non molte ma neanche poche. Bello.

firme

Silvia, Nicoletta, Anna, Amalia: ‘Una coperta molto attesa’

A me è sembrata splendida!. Ci sono stati anche alcuni momenti di commozione. La ragazza che aveva dei problemi e che si rilassava solo a sentir leggere o dire dei brani di libri, ve la ricordate?…era quella col giubbetto verde.. Oppure la signora giovane, che doveva andare via per fare il pranzo alle figlie e alla quale Olga ha dedicato quello splendido pezzo della Muraro… e alla signora sono venute le lacrime agli occhi. E anche qualche sovrapposizione di voci – ma fatta dolcemente – non ha stonato: secondo me ha comunicato emozioni ed entusiasmo. Anche i nostri pezzi sono stati “giusti” e si sono inseriti in modo spontaneo, o almeno suonavano naturali in quel contesto, inframmezzati da piccole osservazioni e chiarimenti; a volte l’uno chiamava l’altro. Insomma, una cosa armoniosa.

Io sono…io sono…. io sono… e le parole escono nell’ordine giusto in ognuna di noi senza ripasso, con sicurezza e nello stesso tempo con la voglia di trasmettere la nostra gioia di stare lì … Ohh… questa voce nuova, con il tremore, l’emozione, il piccolo vuoto di memoria, con la voce un po’ spezzata che non sentivo da tempo e che mi scalda il cuore… Valeva la pena farsi tutti questi chilometri solo per sentire quell’emozione a noi dedicata. Grazie Anna Rita. Ma è così tardi? Bisogna andare via? Nooo… peccato, il mio ricevere doni non era ancora sazio…

Mi è piaciuta questa coperta “leggera” senza l’oppressione del silenzio, quasi una sacralità, ma intervallata da domande e spiegazioni; la nostra complicità nell’offerta dei brani, agganciandoci all’autore o al tema . Mi hanno colpita l’atmosfera positiva, l’attenzione dei presenti, la partecipazione di tutti e disponibilità a dire anche solo poche frasi. Sento che abbiamo lasciato ai presenti la curiosità di saperne di più.

Mentre avanzavamo verso il mare, stamattina, mi ero sentita sempre più in colpa per il ritardo, lo so che non è colpa nostra, ma mi sembra ingiusto che le persone stiano in biblioteca ad aspettarci. Avessero almeno già fatto una formazione potrebbero fare una copertina di riscaldamento  ed invece….. La coperta, quella,  per fortuna è andata molto bene. Credo che la cosa più importante siano stati gli interventi delle potenziali Persone libro. Su questo punto mi sono chiesta se , avendo più tempo, non avremmo dovuto anche far fare domande..La presenza maschile è stata molto positiva. Da tempo sono convinta che in questi casi si crea una corrente di energia molto interessante.

Silvia: ‘Il ritorno: il piacere della tavola e della compagnia’

Che mangiata, ragazze! E io che dovrei stare a dieta… Ho dovuto solo rinunciare al vino per via della guida. Anna Rita è stata veramente splendida e con un’ospitalità che è davvero rara. E che villa! Che panorama! Camino acceso, cani, gatti e caprette. Insomma un pezzetto di Paradiso. Ma è tardi, ho paura di trovare ghiaccio o nebbia, anche se il bollettino meteo di Olga mi conforta un po’!

Poco dopo le 16 tocca ripartire.. Il resto è solo notte, pioggia, un po’ di nebbia e un po’ di stanchezza che ha cominciato a farsi sentire… 325 km all’andata, 325 al ritorno, i giri per la ruota e quelli per arrivare a casa di Anna Rita… Ma anche le passeggere, però.. (e meno male che Amalia mi ha tenuta sveglia e che Anna mi ha segnalato benzinai e uscite).

..”Sì , Anna Rita, stiamo arrivando a Roma, tutto bene, no, basta ruote a terra, grazie di tutto, dell’organizzazione, dell’ospitalità…facci sapere commenti e reazioni dei presenti, contiamo su di te.

Lo sai che non ti libererai tanto facilmente di noi, vero?“

Inviato da Olga

Annunci

2 thoughts on “Qui comincia l’avventura…

  1. Sandra Giuliani ha detto:

    Ricevo su Facebook questa nota da una blogger speciale che è davvero l’unica risposta che ogni volta vorremmo avere: http://sunsetinacup2.wordpress.com/

    Mi piace

  2. marionblues ha detto:

    La “blogger speciale” ringrazia di cuore,in modo particolare l’autrice del post che l’ha caratterizzata con quell’aggettivo così civettuosamente apprezzato di “giovane”.A parte le sciocchezze, io sarò felice di partecipare agli incontri di formazione e spero che l’augurio di non potersi liberare facilmente di voi, sia solo l’auspicio di qualcosa che nasce e si incontra per creare sodalizio, vicinanza e condivisione.A presto , a tutte.
    P.S.perdonate se il nome inserito non era preciso.Nei commenti sotto al post ho messo però tutti i link.

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...