Anche le idee… viaggiano

FLOWERS & BOOKS SPEED  DAY
Incontri ravvicinati tramite i fiori e i libri

Chi ha detto che la Cultura è una cosa seria e pesante? Chi crede davvero che leggere sia un modo per creare una relazione sociale? Bene proviamoci… a far incontrare le persone tramite i libri che amano, “parole d’altri” prese in prestito per dire “chi siamo” o fiori e piante da regalare per esprimere un’emozione, magari del momento, ma che ha tutto il diritto di non passare inosservata.

Suggerimento di itineranza: magari con il cibo invece dei fiori o con qualsiasi altra cosa che appartenga alla quotidianeità per ridarle il posto giusto – di valore – che merita.

ROMA
Raccontare una Città

Un percorso attraverso le voci a memoria dei libri, scatti fotografici, aneddoti accostando divagazioni letterarie a racconti di strada per disegnare i volti diversi di una Città data spesso per scontato nella sua bellezza artistica e nella sua confusione umana. Protagoniste alcune pubblicazioni di Fefè editore tramite la voce recitante di Michela Caruso e i racconti liberi di Manuela Venier.

La Mostra fotografica è stata allestita con le opere di Silvia d’Ippolito, Salvatore Liberti, Nicoletta Montemaggiori, Chiara Pasqualini, Cecilia Pensini, Flavia Pesaresi, Francesca Petre Antica, Steven Teixeira, Leo Osslan.

Suggerimento di itineranza: non esiste nessuna Storia d’Italia senza le storie delle sue città raccontate dalla viva voce dei cittadini… e finché non ricostruiamo questa molteplicità di memorie e di esistenze saremo sempre un Paese “unito”  sulla carta.

VOCI TRAME POPOLI
Bastia Umbra

 Omaggi speciali all’Iran, all’Africa, all’Afghanistan; voci che dicono in tutte le lingue gli 8 Articoli della Carta dei Diritti della Lettura e voci che dicono passi tratti dal Vecchio e dal Nuovo Testamento in italiano, in inglese, in filippino.

Le trame sono quelle che legano concretamente le Associazioni coinvolte che credono nella filosofia del far rete e mettono in campo la propria specificità: il volontariato sociale, la interculturalità, la promozione del libro e della lettura, perché la diversità è ricchezza.

I popoli sono qui con le loro danze su quei tappeti afgani disposti sul pavimento della Sala, che parlano di guerra e che tutti insieme calpesteremo raccontando storie di riscatto e di difesa dei diritti umani.

Voci trame e popoli è anche una Mostra fotografica sui Diritti dei bambini, vetrina-mercato dell’editoria indipendente e assaggi gastronomici multiculturali perché anche nel cibo i popoli parlano di se stessi.

Suggerimento di itineranza: comunità culturali, immigrati residenti, associazioni che si occupano dei diritti degli immigrati… le occasioni d’intreccio “locale” possono essere davvero infinite per costruire uno scenario multi-etnico.

Casa internazionale delle donne, 2012 – Monica Cirinnà e Lilli Garrone (sedute vicino sulla dx)

ANIMALIA 
presentando due libri di Monica Cirinnà e Lilli Garrone

Spesso i libri sono un pretesto per una narrazione più grande che accosta alle pagine appena pubblicate quelle più classiche o poco conosciute che il nostro lavoro porta di nuovo alla luce. Il primo evento “Animalia – I diritti dell’amore” ha collazionato testimonianze autentiche e voci letterarie intorno alla figura del Gatto. Il secondo appuntamento “Animalia – Ai cani manca solo la parola“, l’anno seguente, ha visto come protagonista il Cane. Avere Monica Cirinnà in questi incontri ha significato, soprattutto, conoscere storie vere non solo di animali randagi trattati come “cittadini non umani” dalla sua politica di tutela ma anche storie commoventi di cittadini umani che praticano quotidianamente il rispetto e la cura. Entrambi gli eventi sono stati arricchiti da tantissime foto di cani e di gatti inviateci da privati.

Suggerimento di itineranza: associazioni animaliste, canili municipali, fattorie didattiche e tante persone che condividono la vita con gli animali… storie letterarie e non… per un’educazione al rispetto. Sarebbe bello approdare nelle scuole e disegnare una Mappa dei luoghi civili di questo Paese.

Dal Depliant con le Biografie delle 23 autrici

LE MELE… DI EVA 
 in collaborazione con la Commissione delle Elette del Comune di Roma e con la Metro

Al posto delle tradizionali mimose, le persone libro  di Roma hanno regalato mele: quel frutto proibito che riporta alla memoria il gesto di condivisione della Conoscenza compiuto dalla prima donna, Eva.

Diverse stazioni delle due linee della metropolitana sono diventate piazze del dire: da Patrizia Cavalli a Gabriella Ferri, passando per Edith Bruck e Goliarda Sapienza, 23 levoci di scrittrici che hanno contribuito a mantenere vivo il ricordo poetico di Roma in quanto città d’origine, di elezione o semplice tappa del viaggio umano e narrativo.
L’idea segue il fortunato esperimento dell’anno precedente, sempre nella giornata dell’8 marzo, denominato “Passi di donna”.

Suggerimento di itineranza: se avete un sistema di trasporti urbano… accogliente e temerario… dal “Book-taxi” al pendolarismo ferroviario.

 STORIE & COSE, CIBI… ALL’INCANTO
Per imparare l’arte della separazione

Tutti noi abbiamo difficoltà a separarci dagli oggetti e accumuliamo cose di ogni tipo perché hanno un’anima, perché sono storie. Possiamo tentare una liberazione che non sia una perdita: portare questi oggetti e raccontare la loro storia in modo da trasformare in un custode di storie chi li acquisterà. Cose ma anche cibi, perché preparare un piatto è raccontare una storia: quella del tempo dedicato, del gusto condiviso, dei ricordi…

Suggerimento di itineranza: fate come volete e con qualsiasi cosa ma date spazio ai mondi narrativi…


OMAGGIO ALLA LETTERATURA D’APPENDICE

Anche qui un libro pretesto per ricostruire i percorsi di una Letteratura che è stata la bottega artigianale di molti scrittori e scrittrici a diretto contatto, tramite i giornali, con il pubblico nascente dei lettori. Una storia dei Generi letterari. Archetipi e temi che si distribuiscono lungo i filoni della narrativa d’avventura, poliziesca, sentimentale, storica. Un Mondo che la Critica ha relegato nel sottobosco e che invece appartiene davvero alla Storia europea della Lettura.

Suggerimento di itineranza: ecco, il Cinema per esempio… ecco i Giornali d’epoca per esempio… e le scuole o le biblioteche come luoghi privilegiati.

L’ORA FELICE… CON LA POESIA

Un aperitivo italiano (Happy Hour) che omaggia la Poesia nella convinzione che sia un mondo che ci rende felici perché ci fa riflettere, perché ci ferma, perché restituisce valore a ogni parola e al silenzio. Anche qui un libro pretesto e poi un’antologia di voci internazionali corredate da un video che coglie ogni poeta in alcune occasioni del dire.

Suggerimento di itineranza: anche senza un testo-pretesto sarebbe ora di educare tutti/e all’ascolto della poesia nelle piazze, nei locali dove ci si incontra, nelle scuole… dovunque. E se serve a dare voce a poeti sommersi…

SCRIVERE CON… LE PERSONE LIBRO

Scrivere è un misto di arte e di regole: immaginazione che si fa competenza. Leggere è un misto di arte e di regole: immaginazione che si fa esperienza. Un tempo dedicato.  La scommessa di questo laboratorio è scoprire le tecniche di scrittura dalla parte di chi legge sostando ogni volta su alcuni aspetti della narrazione: l’Incipit, per esempio…quel momento magico che, se funziona, precipita il lettore in una storia fino alla fine… del libro. Questa volta le persone libro sono davvero citazioni viventi, pagine esemplari di diversi meccanismi che cercano di raffinare, nell’ascolto, la sapienza dei lettori.

Suggerimento di itineranza: Sandra Giuliani si diverte a proporre questo laboratorio dovunque ma se immaginate una forma gratuita… prendete uno scrittore o una scrittrice e usate la sua competenza come racconto di un’officina corredando i vari aspetti del discorso con… pagine-voci. Biblioteche, scuole, librerie finora l’obiettivo ma una sera in piazza no?

VOCI E PASSI DELLA MIGRAZIONE

Abbiamo iniziato a Roma e già questo progetto è stato ereditato dal gruppo aquilano e ogni volta che si sposterà cambierà disegno. L’idea originaria utilizza il tango come momento esemplificativo dei passi del viandante che va verso un dove che a volte si rivela una disincanto a volte diventa davvero l’approdo di un sogno. Storie di ieri e di oggi, dall’Argentina degli emigranti italiani all’Italia dei battelli che affondano a poche miglia da Lampedusa. E le immagini si fanno sempre più vere come i testi: passaggi letterari, lettere, testimonianze… domani speriamo anche immigrati in carne e ossa con le loro storie.

Ah, dimenticavo: questa è la nostra idea di Accademia della lettura, la Città dell’immaginazione dove io vorrei abitare perché sono convinta che le idee siano un bene comune e non un esercizio di proprietà privata… un modo, semplice, per restituire la creatività all’utilità sociale.

Annunci

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...