La Cultura non è peccato

L’8 marzo a Roma niente mimose ma mele perché “siamo figlie di Eva” ma non l’Eva imposta come simbolo della tentazione, del peccato e della caduta. No: siamo figlie di quella Donna che colse il frutto della sapienza e generosamente lo offrì ad Adamo.

Se peccato ci fu il suo nome è desiderio. Desiderio di sapere e desiderio di condividere.

Mele vere accanto a mele-parole: altrettanti frutti pericolosi e proibiti se nascono da mente di donna. Parole prese in prestito e donate a chi l’8 marzo prenderà la metropolitana a Roma, come ogni giorno, dividendo il suo tempo tra la fretta di arrivare e i pensieri distratti da una vita in corsa…

La presunzione di noi figlie di Eva sarà di fermare questa corsa o di rallentarla un poco offrendo all’ascolto le parole di  23 scrittrici, italiane e non, che hanno fatto di Roma una città d’elezione o una tappa di pellegrinaggio o un luogo narrativo della loro scrittura.

16 persone libro della cellula romana, in collaborazione con la Commissione delle Elette e l’Atac, si disporranno per 9 stazioni partendo contemporaneamente alle ore 11.30

da Cipro (Linea A) – stazioni  Spagna, Repubblica, Arco di Travertino

Percorso sulla linea ferroviaria A

da Bologna (Linea B) – stazioni: Policlinico, Laurentina, Eur Fermi
per congiungersi a Piramide alle ore 13.30 in un coro finale.

Percorso sulla linea ferroviaria B

Queste le 23 autrici dal sapore proibito.

  1. Ingeborg Bachmann o Ruth Keller
  2. Edith (Steinschreiber) Bruck
  3. Patrizia Cavalli
  4. Alba Carla Laurita de Céspedes y Bertini
  5. Cristina Comencini
  6. Maria Rosa Cutrufelli
  7. Gabriella Ferri
  8. Forough Farrokhzad
  9. Natalia Ginzburg
  10. Lia Levi
  11. Rosetta Loy
  12. Anna Magnani
  13. Melania Gaia Mazzucco
  14. Alda Merini
  15. Elsa Morante
  16. Lidia Ravera
  17. Amelia Rosselli
  18. Goliarda Sapienza
  19. Clara Sereni
  20. Valeria Viganò
  21. Christa Wolf, nata Christa Ihlenfeld
  22. Adeline Virginia Woolf, nata Stephen
  23. María Zambrano

«… In un bar romano ho visto e ho contato: una gatta con orecchie argute e un muso quasi glabro, calzoni bianchi e un panciotto color miele di un’epoca migliore. Un cameriere che faceva versare il caffè e traboccare l’aperitivo dai bicchieri. Un ragazzino col grembiule allacciato davanti che lavava le tazze e i bicchieri e non andava mai a letto prima di mezzanotte. Clienti che andavano e venivano, e un cliente che tornava ogni volta e viveva di piccoli sorsi d’amarezza.» (I. Bachmann,Quel che ho visto e udito a Roma-traduzione di Anita Raja).

Copertina del Depliant - Grafica di Tree-art di Gianna Petrucci

Annunci

2 thoughts on “La Cultura non è peccato

  1. Anna Delfini ha detto:

    …Le mattine sono nebbiose e gli alberi gocciolano fra i lampioni ancora accesi mentre Adone guida la macchina fino al Gianicolo. Ai mercati le donne in scialli grigi rovesciano ceste di arance sui banchi e l’acqua schizza sotto ai parafanghi.
    Maddalena saluta Adone e va a portare la sua immacolata bellezza tra vecchie malandate e brune ragazze meridionali dai grandi occhi tristi nei visi giallastri, odore di caffè cattivo e di biancheria mal lavata.
    Esce sulla terrazza da dove Roma dilaga nella tempera diluita delle vecchie case, e respira a pieni polmoni l’aria tiepida di tegole per levarsi di dosso il loro odore di saliva e miseria.
    (Rosetta Loy, La bicicletta)

    Mi piace

    • “Seduta sotto i pini di Villa Borghese, o nel giardino pubblico di piazza Cavour, dove mi conducevano a giocare, parlavo di Cuba alle mie amiche e anche di un’altra isola dell’arcipelago cubano, l’isola dei Pini: «Che poi sarebbe quella che Stevenson ha chiamato Isola del Tesoro». Tutte sgranavano gli occhi, perché conoscevano il libro. Quando aggiungevo che Cuba si trovava sulla rotta dei corsari che andavano all’arrembaggio dei galeoni spagnoli diretti alla Tortue, il mio successo era folgorante”. (Alba de Céspedes, Con grande amore)

      Mi piace

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...