Bassano del Grappa – una Conca davvero d’Oro!

20 giugno 2010

E’ notte fonda, sono stanca, ho guidato per ore e domani devo lavorare ma devo assolutamente scrivere la mia memoria. Un passaggio contrario per una persona libro.

Del viaggio di andata ricordo davvero poco, sarà stato il sonno, sarà che ancora non immaginavo dove questo viaggio mi stesse portando. Ricordo solo la pioggia, l’incontro, dopo due ore la partenza, con Roberta Buc, il libro in anteprima delle “persone libro”, tanti caffè e ancora tanta pioggia che faceva da colonna sonora costante alle nostre parole mentre ripassavamo i testi.
Arriviamo alla fattoria sociale di Conca d’Oro intorno alle 14.30… qui il tempo si trasforma…
Gli incontri, le sorprese, le mani, gli sguardi, i nomi, i ricordi, i ragazzi, le ragazze, la gentilezza, lo stupore, la bellezza… tutto scorre veloce come la pioggia che non ci lascia mai.

I ragazzi della Fattoria sociale di Conca d'Oro - Bassano del Grappa

Spieghiamo ai ragazzi/e chi siamo e cosa facciamo; ci guardano incuriositi, attenti, silenziosi. Ascoltiamo i loro ruoli: chi fa le candele, chi lavora ai campi, chi al telaio, chi in cucina, chi fa le pulizie.
Ma non c’è tempo per raccogliere tutti i loro e i nostri sguardi pieni di voglia di conoscenza, e pettorine sotto l’ombrello, sul pulmino (bianco a 9 posti, proprio come quello che sogniamo da tempo!) via per le strade di Bassano.
Piove. Aperitivo (il primo dei tanti) sul vecchio ponte.
C’è poca gente per la strada, e quella poca va di corsa con i propri ombrelli. No,i con i nostri impermeabili di fortuna blu e bianchi, ci aggiriamo nelle vie e scivoliamo in un susseguirsi di “io sono…” fra librerie, bar e osterie. Qualcuno ci aspettava, qualcuno chiede e chi ci incontra ci ascolta attento, ci ringrazia.
Piove. Aperitivo.
Zuppe, infreddolite, stanche del viaggio e soddisfatte (alcune anche un po’ ‘mbriaghe) torniamo alla fattoria.
Altra performance ad alcuni clienti del ristorante interno, alcuni libri venduti.
Ora diventa per me difficile riuscire a descrivere quello che accade in quel magico posto circondato dal grano e da erbe profumate. L’accoglienza, la gentilezza, i sorrisi, il garbo che ci hanno circondato sono riusciti a scaldarci in un baleno.
Per un po’ mi sono sentita parte di quella famiglia, che cenava dopo una dura giornata di lavoro e che condivideva parole ed emozioni fra un’asparago bio e una carne salata, fra un formaggio e una confettura di arance, noci e cannella, un centro tavola fatto di erbe e fiori profumati e candele artigianali accese.
Piove.
Quando gli ultimi ospiti del ristorante sono andati via, e la tavolata si allarga con tutte le persone della “casa”, riceviamo un regalo a dir poco meraviglioso: una delle ragazze, la più silenziosa, si alza e comincia: “io sono…”e dice il suo pezzo! Piove, e una goccia è caduta proprio nei miei occhi.
A volte si vorrebbe fermare il tempo… ma alle 3 siamo a malincuore doverosamente andate a dormire.
Sveglia tardi.
Vedo dalla finestra della camera il labirinto nel grano, devo assolutamente andarci!
Con gli occhi ancora assonnati vado in cucina: “c’è il caffè…?” dico ancora in corridoio.
Non c’era solo il caffè ma una tavola piena di colori, odori e sapori: marmellate di tutti i gusti, burro, pane fresco, fette biscottate, biscotti, tazze disegnate e colorate, latte, cacao, tè, fiori di lavanda affianco a ogni tazza e sorrisi.
Piove.
Chiacchiere e confidenze e via di nuovo a cantare sul magnifico pulmino bianco a 9 posti per spese etiliche, visite al museo della grappa, aperitivo prima di pranzo.
Tornate, facciamo un’ultima performance per altri avventori del ristorante ma questa volta le persone libro sono aumentate. 2 delle ragazze hanno donato il loro pezzo e una terza ha promesso che presto si aprirà da persona libro chiuso. Piove ancora nei miei occhi. Altri libri venduti.
A pranzo conosciamo altri nomi, altri sorrisi, ci spiegano il lavoro che fanno, come affrontano i non pochi problemi che hanno, i loro progetti.
“…è già ora di partire?? Devo ancora fare il labirinto nel grano! Visitare le serre! Sentire altri racconti! Dire ancora altri pezzi e ascoltarne di nuovi! Assaggiare tutte le marmellate! Non ho fatto neanche una foto! Devo sentire la poetessa africana della sera! Imparare a fare le candele! Bere un altro aperitivo!!!!!!!”
E mentre mi lamentavo facendo la valigia, i ragazzi avevano già sistemato la sala per l’evento serale, non prima di aver sistemato tutta la cucina del ristorante.
Saluti, baci, abbracci e promesse sincere. Piove.
E mentre metto in moto la macchina una ragazza corre sotto la pioggia e si tuffa nel finestrino per darmi un altro bacio di saluto.
Piove.
Non ricordo il viaggio di ritorno né quante ore ci abbiamo messo, ricordo solo che la pioggia faceva da colonna sonora alle nostre cantate.
Ero partita per donare, e forse non ricorderò tutti i nomi, ma non dimenticherò mai tutto quello che ho ricevuto: i sorrisi, gli sguardi attenti, la professionalità, la gentilezza e l’affetto sincero.

Le persone libro si sono arricchite a Bassano (e non solo di numero), e ancora mi domando come un’associazione come quella di Conca d’Oro (con il suo progetto per le persone disabili senza sostegno familiare) vada avanti senza alcun sostegno istituzionale. Mi stupisco ancora una volta della forza delle persone, della forza delle parole, della forza di una “rete” che permette l’incontro di realtà diverse nel “fare” ma con moltissimi punti in comune. E in questi incontri io traggo la mia forza per continuare a dire: “IO NON ME NE FREGO!”

grazie Conca d’Oro.
Nicoletta

Incontro Roma-Arezzo in quel di Bassano...

Annunci

Cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...